Disposizioni della Dirigente – 2/11/2020

Disposizioni per l’organizzazione dell’attività didattica a partire dal 3/11/2020

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
VISTO il DPR 275/1999 art. 4 e 5;
VISTA l’ordinanza regione Lombardia n° 623 del 21 ottobre 2020;
VISTO il DPCM 24 ottobre 2020;
VISTA l’ordinanza regione Lombardia n° 624 del 27 ottobre 2020;
FERMA RESTANDO la necessità di assicurare il funzionamento dell’Istituzione scolastica nella condizione di emergenza sanitaria;
RILEVATO che il citato DPCM impone alle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, a partire dal 26 ottobre 2020, di adottare forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata per una quota pari almeno al 75 per cento delle attività, quota elevata dalle citate ordinanze regionali al 100 per cento delle attività, con esclusione delle attività di laboratorio che possono continuare ad essere svolte in presenza e fatte salve le
esigenze degli studenti disabili o con altre tipologie di Bisogni educativi speciali;

RILEVATO INOLTRE che non sono state completamente sospese le attività didattiche in presenza, per cui il luogo di lavoro per i docenti continua ad essere la sede di servizio;
VISTE le richieste di effettuazione della didattica in presenza per studenti con varie tipologie di BES, pervenute da parte dei genitori o da studenti maggiorenni;
VISTE le richieste dei docenti di effettuare l’attività didattica dal proprio domicilio;
VALUTATA l’opportunità di ridurre le presenze all’interno della scuola
DISPONE
che a partire dal 3/11/2020:
1) le attività didattiche per tutte le classi proseguano a distanza in modalità DDI (didattica digitale integrata) secondo il regolamento approvato dal Collegio dei Docenti e deliberato dal CDI in data 22.9.2020, ad eccezione di quelle laboratoriali, che potranno essere successivamente programmate dal CD;
2) siano svolte in presenza le attività didattiche per gli studenti con bisogni educativi speciali, che sono stati autorizzati a frequentare la scuola su specifica richiesta delle famiglie o degli stessi, se maggiorenni;
3) il personale docente che ne ha fatto esplicita richiesta e previa autorizzazione dirigenziale, definitada criteri, quali, ad esempio, di fragilità personale o familiare, distanza dal luogo di lavoro, utilizzo dei mezzi pubblici, necessità organizzative e didattiche della scuola, possa svolgere l’attività didattica dal proprio domicilio, impegnandosi a rispettare la normativa vigente in materia di privacy e protezione dei dati sensibili, per la durata del loro orario settimanale e per tutte le classi ad eccezione di quelle in cui sono presenti a scuola studenti BES;
4) il restante personale docente svolga l’attività didattica dalla sede di servizio, utilizzando la strumentazione della scuola messa a disposizione a tale scopo;
5) prosegua l’osservanza puntuale, da parte di tutto il personale in servizio, del “protocollo Covid” di Istituto e delle prescrizioni di legge emanate per fronteggiare l’emergenza sanitaria.


Le presenti disposizioni rimarranno in vigore fino al termine individuato dal DPCM citato in premessa, ovvero fino ad eventuali modifiche dello stesso.

Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Bruna Baggio