Parliamo di Libri 2022 all’Istituto Confucio

L’ Istituto Confucio riprende gli incontri del lunedì della rubrica “Parliamo di libri”. 

  • Il primo incontro sarà dedicato ai mille volti della Cina e vedrà la presentazione del volume La Cina non è una sola di Filippo Santelli (Mondadori, 2021).

Filippo Santelli, corrispondente da Pechino per “la Repubblica”, attraverso il volume La Cina non è una sola (Mondadori, 2021), racconta la grande potenza asiatica attraverso le mille Cine che convivono al suo interno, per permettere al lettore di conoscere e comprendere davvero questo Paese e le sue molteplici prospettive. Perché la Cina è un inestricabile groviglio di forze e debolezze, di tensioni difficili da comporre che interagiscono lungo linee di faglia geografiche, economiche, sociali e culturali: la ricchezza ostentata delle classi più elevate e la povertà diffusa nelle aree rurali e tra le pieghe delle metropoli; la corsa verso l’innovazione e la visione patriarcale che penalizza le donne in famiglia e nel lavoro; la spietata competizione negli studi e la sua contropartita di ansia, frustrazione, paura del futuro; la diffusione di stili di vita e brand occidentali e un tenace e orgoglioso nazionalismo; le ambizioni di egemonia internazionale che suscitano diffidenza e compromettono le alleanze; la questione ambientale e quella demografica. Il risultato è «un Paese in bilico tra sicurezze e insicurezze, tra evoluzione e involuzione». Ne è un chiaro esempio la gestione dell’epidemia di Covid-19, prima colpevolmente trascurata e nascosta dal governo di Pechino, poi efficacemente gestita con un’inflessibilità che l’autore ha sperimentato in prima persona nella sua quarantena ospedaliera a Nanchino.

L’incontro si terrà lunedì 17 gennaio alle ore 18.00 sul canale YouTube dell’Istituto Confucio. 

  • Il secondo incontro si terrà il 24 gennaio ed avrà per tema il fumetto.

Ad oggi i fumetti, in particolare nella forma di graphic novel (“romanzi grafici”), rappresentano una delle più vivaci forme d’arte e di espressione narrativa della Cina contemporanea. Insieme alla casa editrice Bao Publishing e a Martina Caschera, esperta di linguaggi del fumetto, verrà proposto un viaggio in questo mondo, alla scoperta di due tra i fumettisti più importanti della scena artistica cinese contemporanea: Zao Dao con Vagabondaggi (Bao Publishing, 2018) e Zuo Ma con il suo Night Bus (Bao Publishing, 2018).

  • Zao Dao, giovane ma già amatissima illustratrice cinese dallo stile duttile, pur radicandosi nella tradizione si diparte con felicità verso molteplici soluzioni visive. Nel suo libro, l’autrice raccoglie racconti d’occasione che recuperano alcuni temi legati all’infanzia: piccole schegge di un’autobiografia incompiuta e suggestioni legate al folklore. È un’opera fatta di scarti e di rigurgiti esistenziali estemporanei, troppo esili per ambire alla narrazione romanzesca: una dimensione favolistica che rappresenta un ritorno del fumetto alle sue origini e alla capacità di immaginare e conservare mondi.
  • Dopo un’introduzione sul fumetto underground, i relatori presenteranno l’opera  Night Bus di Zuo Ma: l’autobus notturno è il solo modo che hai per tornare a casa quando cala l’oscurità e i mezzi pubblici smettono di circolare. Non è detto che ti porterà dove volevi andare tu, perché l’autobus notturno sa dove dovresti essere, e ti ci porta. E non è detto che la destinazione sia un luogo reale, ma troverai quello che forse neanche ti rendevi conto di stare cercando. Quello che si compie è un viaggio dapprima concreto, poi surreale, e dopo ancora familiare, un panorama delle emozioni profonde che spesso ci disabituiamo a scrutare. Zuo Ma ci trasporta così in una dimensione di magia legata alle emozioni, ai ricordi, ai desideri più profondi.

L’incontro si terrà lunedì  24 gennaio alle ore 18.00 sul canale YouTube dell’Istituto Confucio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.